Arrestato il prestanome di Ciancimino: Gianni Lapis in carcere per associazione a delinquere



Arrestato il prestanome di Ciancimino: il 2 dicembre 2011 Gianni Lapis, già condannato come “testa di legno” di don Vito Ciancimino e sotto inchiesta a Palermo per corruzione – si indaga per presunte mazzette all’ex ministro Saviero Romano e al senatore Carlo Vizzini – è stato arrestato dalla Guardia di Finanza con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio. Secondo i magistrati stava provando a liberarsi di 60 milioni di dollari ma è stato incastrato da un agente sotto copertura: per la procura di Palermo Lapis era diventato negli ultimi mesi l’anello centrale di un sistema criminale tra Palermo, Catania, Roma e Taranto con il coinvolgimento di alcuni broker. Tutti i dettagli nel servizio di Sandro Ruotolo per Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro.