Stefano Cappellini: “Partiti svuotati dei contenuti”



Stefano Cappellini afferma che i partiti politici si sono svuotati delle idee che li caratterizzavano. Come il Pd che candidò Calearo in Veneto con conseguenze terribili. Le parole del caporedattore del Messaggero a Servizio Pubblico.

Stefano Cappellini a Servizio Pubblico: il caso Calearo

Ma cosa successe con Calearo? Candidato da  Veltroni a capolista per il Partito Democratico nella circoscrizione “Veneto 1” ed eletto alla Camera, lascia il Pd poi diventa uno dei Responsabili a sostegno di Berlusconi. Così Il Corriere della Sera:

Anche Massimo Calearo starebbe per lasciare il Partito democratico. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare venerdì. L’ex presidente di Federmeccanica avrebbe già annunciato la sua intenzione al segretario del Pd, Pierluigi Bersani, al quale avrebbe spiegato che il partito, dopo le primarie che hanno dato a Bersani la poltrona di segretario, non corrisponderebbe più alla sua storia personale e, soprattutto, al progetto di Veltroni di un partito moderato e riformatore. Calearo, schierato con Dario Franceschini al congresso, aveva più volte nelle scorse settimane definito quello di Bersani un progetto che «guarda al passato. Io di sinistra non lo sono mai stato». […]

È presidente del Gruppo Calearo, che produce antenne per auto e antenne mobili ad alta tecnologia per le telecomunicazioni. Dal 2003 al 2008 è stato presidente dell’Associazione industriali di Vicenza e dal 2004 al 2008 è stato anche presidente di Federmeccanica. Alla Camera aveva sempre mantenuto un profilo indipendente: «Essendo figlio di mio padre non ho un papà nel partito. Grazie a Dio faccio quello che voglio. Mi hanno chiamato loro, non ho chiesto io di andarci. Mi sento libero», aveva dichiarato.