Giuliano Ferrara su Monti: “Meglio lui che la vecchia politica”



“Avanti con Monti? Meglio lui che la logica di questi ultimi 17 anni con Berlusconi e Prodi non in grado di governare. Spero non si torni a questi vecchi schemi”. Così Giuliano Ferrara su Monti nell’intervista rilasciata a Luca Bertazzoni per Servizio Pubblico. Il direttore de Il Foglio racconta l’attuale situazione politica italiana, dai partiti ai movimenti, passando per il governo tecnico.

Giuliano Ferrara su Monti, Grillo, destra e sinistra

“Grillo? Il suo è un percorso facile. Al Nord parla bene della Lega, al Sud parla bene della mafia. E’ irresistibile dal punto di vista oratorio. E’ un grande attore, raccoglie tutto quello che può raccogliere. Gli italiani corrono ai suoi comizi ma nessuno gli affiderebbe la conduzione della ditta” – spiega Ferrara – “Né la destra né la sinistra hanno una strategia. Bersani vuole fare il presidente del Consiglio con l’appoggio di D’Alema. Il loro sogno è allearsi con Casini per avere un altro Prodi. Non mi pare una prospettiva credibile. Quindi resta un governo con Vendola al Lavoro e Di Pietro alla Giustizia idealmente. La destra è tra lo sciopero fiscale di Alfano e Maroni e le proteste della base. Se Berlusconi fa un discorso chiaro, di responsabilità nazionale, può creare le basi non per un suo ritorno ma per una piattaforma seria. Se la destra stacca la spina è la prima a rimetterci, non mi sembra molto saggio. Passera? Le persone basta guardarle in faccia. Non è un leader politico, come Tremonti”.