Tremonti sul governo Berlusconi: “Spread a 113”



In questo momento c’è qualcosa che non va. Lo spread nonostante il miracolo è triplicato rispetto a quando era ministro Tremonti. Almeno stando alle sua affermazioni. Cosa c’è di vero nella politica economica italiana? Il dibattito in studio a Servizio Pubblico.

Tremonti sul governo Berlusconi

Per Tremonti “i primi tre anni del governo Berlusconi, da maggio 2008 a maggio 2011, sono stati abbastanza buoni. Una gestione accorta mentre la crisi cominciava a montare, come la definì anche Monti. Lo spread era a 113. Poi avvenne una rottura”. Sul tema fu lo stesso Berlusconi a dire che lo spread fosse un imbroglio: ”E lo confermo perché su uno spread oltre 500 punti venne fatta una battaglia in Europa dando la colpa a me e si disse che avevamo portato il paese sul baratro. Questa è stata una menzogna. Qualcuno disse addirittura che non si potevano pagare le pensioni e gli stipendi degli statali. Gli stipendi invece vennero pagati e non credo che i tecnici avessero portato loro i soldi nelle casse del governo”.

Tremonti sull’Italia

Nel corso della stessa puntata l’ex ministro del governo Berlusconi ha detto la sua sulla crisi del nostro Paese: “In questo momento l’Italia è usata come bancomat per pagare i buchi delle banche del Nord Europa. Tre anni di governo Berlusconi e lo spread era a 113, adesso è tre volte tanto nonostante il miracolo di Monti. C’è qualcosa di più profondo delle battute e delle polemiche”.