Venti domande a Grillo e Casaleggio



Parlamentarie, democrazia interna e le venti domande a Grillo e Casaleggio. Il punto di Giulia Innocenzi per Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro.

Venti domande a Grillo e Casaleggio

L’autore è Fulvio Biagini, simpatizzante del M5S. Eccole:

1 – Chi è o chi sono gli amministratori del Portale?

2 – Dove è fisicamente il server su cui è il Portale?

3 – Chi ha accesso alle informazioni sensibili?

4 – Come vengono scelte le persone che hanno accesso al Portale come amministratori?

5 – Quali metodologie di sicurezza vengono adottate?

6 – Quanti iscritti vi sono sul Portale?

7 – Quanti degli iscritti operano regolarmente?

8 – Come sono suddivisi per regione e provincia gli iscritti e gli attivi?

9 – Come si pensa di garantire trasparenza nelle votazioni?

10 – Chi e come certificherà che le votazioni sono libere, reali e che il conteggio sarà corretto?

11 – I verbali dei risultati come verranno resi pubblici?

12 – Si prevedono “terze parti” che saranno abilitate al controllo e alla certificazione del voto?

13 – Nel caso di problemi di accesso o di attacco hacker, come si pensa di rendere possibile il voto?

14 – Sarà possibile per tutti i cittadini verificare le operazioni di voto, scrutino e proclamazione degli eletti?

15 – Nel caso di controversie o ricorsi chi e come si deciderà?

16 – Ogni votante avrà una certificazione dell’avvenuto voto verificabile in ogni momento anche a valle della chiusura delle votazioni?

17 – Le informazioni sul voto essendo dati estremamente sensibili, da chi verranno gestite, archiviate e rese inaccessibili?

18 – Come verranno proclamati gli eletti?

19 – Vi sono state deroghe per la scelta dei candidati, rispetto alle varie regole, post e comunicati politici?

20 – Quale sarà la “struttura di comunicazione” che sarà destinataria dei fondi dei gruppo parlamentari?