Carfagna contro Ingroia: “Sembra il nuovo unto del Signore”



Carfagna contro Ingroia a Servizio Pubbico. Si accende il dibattito in studio sull’opportunità politica degli ex magistrati di candidarsi e sulla questione morale. “E’ un paese normale quello che permette di scendere in politica a un signore che fino a ieri aveva accesso, legittimamente sia chiaro, a informazioni riservatissime. Che metteva le mani laddove i cittadini normali non possono metterle. Che si introduceva in questioni in cui i cittadini non possono introdursi?” chiede la parlamentare Pdl al padrone di casa Michele Santoro riferendosi alla carriera dell’ex pubblico ministero.

Carfagna contro Ingroia

“E’ normale che un pm superpartes oggi diventi parte politica? Oppure è normale quello che dice Cantone, non certo un estremista di destra, per cui i comportamenti di un pm non possono essere equiparati a quelli di un cittadino normale proprio per la delicatezza delle materie che tratta?” – si interroga ancora la Carfagna – “Dopo l’esperienza in Guatemala Ingroia sembra il nuovo unto del Signore. Un novello Pericle”. Il leader di Rivoluzione Civile risponde: “L’Italia non è un paese normale perché ha una classe politica incline a delinquere. Un magistrato sa dove andare a trovare i patrimoni dei corrotti e dei mafiosi”. “Parla lei che faceva processi in base ai pregiudizi” chiosa Carfagna.