Le pistole nel bergamasco



Le pistole nel bergamasco, le rapine e il poligono di tiro. Il racconto di Andrea Casadio per Servizio Pubblico, programma condotto da Michele Santoro.

LEGGI > Disarmo unilaterale: lo speciale di Michelesantoro.it

Le pistole nel bergamasco: il reportage del 2012

Secondo i dati della rivista australiana GunPolicy, rilanciati dal Secolo XIX, in Italia ci sarebbero in circolazione sette milioni di “pezzi” tra legali e illegali. Cosa è cambiato rispetto al 2012? Cosa accadeva in quel periodo? Scriveva La Stampa:

Si calcola comunque che tra pistole, fucili da caccia, armi sportive e da collezione, vi siano legalmente oltre 2 milioni di armi. Va fatta la distinzione, però, tra «detenzione» e il «porto». Nel primo caso, il cittadino è autorizzato all’acquisto dell’arma e può solo tenerla in casa. Nel secondo, su autorizzazione del prefetto, può anche portarla con sé. I «porto d’arma» dovrebbero aggirarsi attorno al milione. Alcuni anni fa, a seguito dell’ennesimo fatto di sangue, l’allora ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu dispose un monitoraggio: furono verificati circa 600 mila «porto d’armi» (500 mila licenze per caccia e 100 mila per il tiro a volo). Vi furono 3.600 sospensioni e 1.450 divieti di detenzione.