L’intervista esclusiva di Ruby a Servizio Pubblico



L’intervista esclusiva di Karima El Mahroug alias Ruby a Servizio Pubblico. La giovane marocchina presenta a Sandro Ruotolo la sua versione dei fatti: dalle dichiarazioni di Francesco Chiesa Soprani alla protesta davanti al Tribunale di Milano, dal viaggio in Messico al centro estetico, mai aperto, finanziato da Silvio Berlusconi. Alle cene eleganti ad Arcore.

GUARDA ANCHE > Ruby ter: le false testimonianze

Ruby a Servizio Pubblico

“Io non ho mai detto che i magistrati mi abbiano costretto a dire delle cose” – spiega Ruby ai nostri microfoni –  “Ho però notato che il loro unico interesse non era per me; non erano assolutamente interessati ad ascoltare la mia storia, i miei problemi, i miei desideri. Mi aspettavo un aiuto. L’inconsapevolezza dei 17 anni a volte ti può portare a raccontare delle frottole, mi piacerebbe essere sentita adesso. Mi dispiace che né la difesa né l’accusa non abbiano più voluto ascoltarmi. La mia vita di allora era passare da una comunità all’altra, non sapevo chi fossero i pm, mi sono trovata in una cosa più grande di me. Mi sono adattata ad una situazione che non mi apparteneva. Le intercettazioni in cui chiedo soldi a Berlusconi? Ne discuteremo in tribunale”.

GUARDA ANCHE > RUBY E I BALLETTI HARD DI ARCORE
GUARDA ANCHE > I SOLDI DI SILVIO: LE INTERCETTAZIONI RUBY – SPINELLI