Egidio Verzini (ex avvocato di Ruby): “Pronta ad ammettere la prostituzione ma fu fermata”



Nel giorno del deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado del Ruby bis, in cui sono stati condannati Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti, parla l’ex avvocato di Ruby, Egidio Verzini, in un’intervista esclusiva di Walter Molino per Servizio Pubblico: “Nel giugno 2011 Ruby venne da me per costituirsi parte civile contro Emilio Fede. Poi ci fu un ripensamento”. Dopo appena un mese infatti, Ruby tornò dal suo precedente legale.

Egidio Verzini a Servizio Pubblico

L’avvocato racconta che Ruby era pronta ad ammettere di essersi prostituita a casa Berlusconi. Ma ci furono pressioni e interventi esterni, non solo sulla ragazza ma anche nei suoi confronti. “La strategia era quella di costituirsi parte civile contro Fede e confessare la prostituzione. Ruby ha subito un grosso danno anche mediatico da questa vicenda” – spiega l’ex legale di Karima El Mahroug – “Poi cambiò idea e cambiò avvocato. Il cliente può fare ovviamente ciò che vuole. Pressioni? Sì, ne ho subite ma non ne posso parlare”. Verzini ha lo studio in un piccolo comune nel veronese, Illasi: “Come ha fatto Ruby a trovarmi fin lì? Bella domanda, cosa posso dirle?”. Un piccolo dettaglio: Illasi è il paese di Don Verzè, figura storicamente vicina a Berlusconi.