Formigoni su Berlusconi: “Doveva dimettersi”



Roberto Formigoni difende le scelte sue e del Nuovo centrodestra, suggerendo che Berlusconi avrebbe fatto meglio a dimettersi per denunciare l’astio dei giudici nei suoi confronti. “Anche io sono convinto che il Cavaliere sia stato e sia oggetto di un accanimento unico. Anche io sono convinto che potrà dimostrare fino in fondo la sua innocenza. Gli credo. Ma non possiamo far pagare agli italiani queste ingiustizie che B. ha subito” denuncia a Servizio Pubblico l’ex governatore della Lombardia.

Formigoni su Berlusconi

“Noi non siamo al governo con il Partito Democratico” – spiega Formigoni – “Siamo al governo perché questo governo è l’unico possibile in questa fase di emergenza. E’ un governo di necessità. O governiamo con i nostri nemici storici o c’è il disastro economico. Solidarietà a Berlusconi che deve avere la sua agibilità politica. Ma avrebbe fatto meglio a dimettersi”.

Santanchè contro Formigoni

La scelta di Formigoni di abbandonare il Cavaliere non ha convinto la Santanchè. Che lo accusa di essere un ingrato: “Con Berlusconi abbiamo tutti vinto la lotteria, ma senza comprare il biglietto. Se sei in lista è perché lui lo ha voluto. Io riconosco che c’è un capo, un leader che prende milioni di voti. A tutti noi è sempre andata bene questa roba qua. Tutti ne abbiamo avuto vantaggi”.