La soap continua



Si apre sulle note di “Domani è un altro giorno” di Ornella Vanoni l’anteprima di Michele Santoro: “Non c’è niente di più triste per il povero Berlusconi che ricordare i vecchi tempi. Ma anche io, se ci ripenso, non mi sento troppo bene a ricordare i tempi in cui molti credevano che lui avrebbe rivoltato il Paese”. Ieri Berlusconi, oggi Renzi: perché l’Italia è costantemente alla ricerca di un uomo della provvidenza?