C’era una volta l’industria italiana. Il reportage da Terni



L’industria italiana in crisi. Il web-doc di Stefano Maria Bianchi in esclusiva per serviziopubblico.it da Terni. Il racconto dal mondo dell’impresa che scappa dal nostro Paese o muore. Dal petrolchimico all’acciaio, sfaldando il tessuto sociale e l’identità del territorio.

L’industria italiana in crisi

Il racconto di un operaio che grazie al lavoro in fabbrica è riuscito a laurearsi. “La città di Terni e la sua comunità nasce intorno alla fabbrica. Per noi la fabbrica non è solo un lavoro, è un tratto identitario, è quello che ha permesso la ricchezza di questa città. Ha permesso ad un territorio di crescere e diventare importante. Quello di Terni è l’unico sito italiano che produce acciaio inossidabile. Dal momento in cui non si produrrà più acciaio a Terni, noi diventeremo importatori totali di acciaio inossidabile. Questa fabbrica nasce come progetto di solidarietà, fra operai e impiegati”.

La protesta degli operai Ast Terni

Circa 60 operai Ast Terni hanno manifestato di fronte al Parlamento europeo a Bruxelles per difendere il proprio posto di lavoro. “Chiediamo all’Europa di rimediare a un problema che ha contribuito a creare”. Dicono gli operai, molti dei quali rimasti senza stipendio per aver aderito allo sciopero. “Chiediamo alla nuova Commissione europea un impegno preciso affinché la produzione di acciaio italiana sia tutelata”, dice Stefano Garzuglia della Fiom.