Stop invasione, Salvini: “Fermate l’immigrazione o la fermiamo noi”



Matteo Salvini dal palco della manifestazione “Stop invasione” rilancia la sfida al governo sul tema dell’immigrazione. “Clandestini sono e clandestini rimangono, i profughi sono una piccola percentuale. E pure vengono qui a pretendere. Questi andrebbero mandati via a calci”.

Stop invasione, la paura nera

Durante la manifestazione “Stop invasione”, indetta da Matteo Salvini a Milano, i leghisti sfilano con l’estrema destra di Forza Nuova e Casapound. “Perchè siete insieme in piazza?”, chiede Dina Lauricella a un manifestante leghista. “Prima di essere leghista, sono fascista” risponde “Con Mussolini non ci sarebbe stato tutto questo schifo”. A siglare la nuova alleanza arrivano le parole del leader di Casapound Gianluca Iannone. “Quelli della lega sono persone perbene, genuine, tutti lavoratori”. Il reportage di Maddalena Oliva e Dina Lauricella.

Marco Travaglio su Salvini

“E’ vero che l’altro Matteo ha trovato la ricetta contro i clandestini? “Sì”, diranno i 100mila lumbard che han riempito piazza Duomo per sentire Salvini. Certo, lui parte avvantaggiato. Oggi per essere creduti basta chiamarsi Matteo, andare in televisione in maniche di camicia bianca, aver 40 anni e il doppio mento”.

L’editoriale del giornalista sul leader della Lega. “Certo, il suo partito ha governato 11 anni su 20. E lui non è che andava all’asilo. Fa politica da 20 anni, da quando ne aveva 20. Consigliere comunale 1993-2012, deputato 3 volte, eurodeputato 3 volte. E la Lega ha varato una raffica di leggi sull’immigrazione, che però è continuata come prima più di prima”.