L’avvocato di Riina: “I pm da Napolitano? Lo Stato non vuole la verità”



“Qui Riina rischia di sembrar simpatico”. A parlare è Luca Cianferoni a poche ora dalla decisione della Corte d’Assise di Palermo di non ammettere la presenza, in videoconferenza dei boss Totò Riina e Leoluca Bagarella all’udienza del processo sulla “Trattativa” nel corso della quale verrà sentito il Presidente Giorgio Napolitano. L’avvocato del Capo dei Capi, al telefono con Dina Lauricella, spiega perché sarebbe stato importante esserci.

Le parole di Luca Cianferoni

“Bisogna capire che i pm di Palermo si sono messi a fare una roba che lo Stato non vuole che sia fatta. Lo Stato ha tutto l’interesse a far vedere che Riina ha fatto la trattativa e questo non è vero, te lo posso garantire. La trattativa è dopo, e guarda caso sono gli anni del centrosinistra Sono gli anni di Napolitano ministro degli Interni”.