Ebola e razzismo: la storia dell’aggressione di Fatumatà



Ebola e razzismo. Il racconto di Fatumatà Hawa Sompare, una ragazza che a Roma su un autobus è stata aggredita da alcuni ragazzi che le urlavano, tappandosi il naso: “Negraccia di merda, ebola”.

Ebola e razzismo: il racconto di Fatumatà

“Io non ho detto niente. Uno dei ragazzi si è alzato e ha iniziato a tirarmi calci. Gli ho detto perché fai così e mi ha risposto io faccio quello che mi pare questo è il mio paese, tornatene da dove sei venuta. E continuavano a ripetere ebola ebola! Io sono rimasta tranquilla e un altro ragazzo mi ha detto ma tu non ti vergogni a portare le malattie qui. Poi quando siamo scesi alla fermata i parenti di uno dei ragazzi mi hanno menato con un bastone. Per la prima volta ho avuto davvero paura, non mi era mai successo e sono da quattro anni in Italia”.