Di Battista sulla Libia: “Disarmiamo l’IS. Napolitano? Era un uomo della CIA”



Alessandro Di Battista sulla Libia. “Il terrorismo è come una macchina che va a benzina. Senza quella la macchina sta ferma e diventa inutile. La benzina sono l’appoggio economico e le armi che i Paesi alleati con L’Italia danno. In particolare l’Arabia Saudita e il Qatar. Io ricordo a tutti che l’Italia è il primo partner commerciale per quanto riguarda le armi con i sauditi. 300 milioni di euro soltanto nel 2013. In Arabia Saudita nel 2013 hanno sgozzato 87 persone. Legalmente perché c’è la pena di morte. Per fermare il terrorismo bisogna togliere la benzina”.

L’Isis in Libia

Luca Bertazzoni è a Sirte, la città dove nel 2011 è stato catturato e poi ucciso Mu’ammar Gheddafi. Oggi è contesa tra i miliziani della brigata di Misurata e gli esponenti dello Stato Islamico. I palazzi su cui sventolano le bandiere nere dell’Isis sono bersaglio degli strike aerei dell’esercito libico. Il caos libico tra miliziani ed esercito ufficiale contro l’avanzata dell’Isis.

La testimonianza di un soldato libico

“Non so dirti quanti siano quelli dell’Isis ma iniziano a vedersi sempre più bandiere nere. L’ultima l’hanno issata qualche giorno fa davanti all’ingresso dell’Università. Per ora stiamo trattando con loro perché non vogliamo uno scontro, non so come andrebbe a finire”.