Colonnello Paglia: “A parlare con l’Is si rischia la testa”



Il tenente colonnello Paglia: “Io sono il primo diplomatico, purtroppo mettersi a parlare con l’Is si rischia letteralmente di perdere la testa. La situazione geopolitica di oggi è molto complicata ma non possiamo stare senza far niente. Essere un Paese serio vuol dire essere pronti ad intervenire ed è quello che ha detto il ministo della Difesa Pinotti. I nostri militari sono i primi portatori di pace, siamo noi i primi a rischiare la vita”.

Il colonnello Paglia contro Travaglio

Lo scontro in studio fra il colonnello Paglia e Travaglio. “Il soldato italiano non parte per fare la guerra. Il soldato italiano se parte è per portare la pace in paesi martoriati dalla guerra. Io ci ho rimesso le gambe e sono fiero di quello che ho fatto. Ci sono ragazzi che sono tornati in bare avvolte dal tricolore per cercare di portare la pace, per cercare di portare un sorriso ai bambini. Il ministro della Difesa non ha mai parlato di mandare i nostri soldati a fare la guerra. Ha soltanto detto che sono pronti cinquemila soldati. Questo deve essere chiaro a tutti. Travaglio non si può permettere di dire il contrario”.

Il giornalista ribatte: “Si chiamano guerre, anche se noi le chiamiamo missioni di pace perché abbiamo un vocabolario strano. Io non sono un pacifista, sto solo dicendo che le guerre vanno chiamate guerre”.