Banca Intesa: è evasione? Il racconto di Paola Bacchiddu



La guardia di Finanza contesta a Eurizon, società controllata da Banca Intesa, un’evasione per 731 milioni nel periodo compreso tra il 2004 e il 2013.

Paola Bacchiddu racconta la maxi evasione contesta dalla GdF. “La guardia di Finanza definisce Eurizon come un soggetto evasore totale e sconosciuto al fisco italiano”.

Corrado Passera su Banca Intesa

“Sono stato amministratore delegato di Intesa San Paolo. Abbiamo scelto di avere delle attività anche fuori dall’Italia. Questa è un’azienda che dal 1988 ha cinquanta dipendenti in Lussemburgo. In Europa c’è la libertà di stabilimento. In quei dieci anni (dal 2004 al 2013) Banca Intesa ha versato al fisco 15 miliardi di euro”.

Esterovestizione per Banca Intesa?

Gianni Dragoni spiega il ruolo di Eurizon. L’ipotesi è il mancato versamento dell’Ires per un totale di circa 879 milioni di euro in 5 anni. “L’accusa è un classico, la esterovestizione di una società. Che cosa vuol dire? Vuol dire che una società che secondo la Guardia di Finanza opera in Italia è stata fatta apparire come se fosse domiciliata in un altro paese. In questo caso è il Lussemburgo per sfruttare le tasse più basse di questo paese.