Ruotolo in collegamento da Rovolon con Don Luca



Ruotolo in collegamento dalla sede di Percorso Vita.  L’associazione che accoglie ragazze scappate dai luoghi di guerra e arrivate in Italia attraverso il mare. In compagnia del giornalista ci sono Don Luca Favarin, che gestisce l’associazione, e Stefano Ferro, fratello di Patrizia, la giovane donna padovana che ha lasciato un proprio alloggio in comodato d’uso a sei migranti. Gesto che ha sollevato molte polemiche nel capoluogo veneto.

Le parole di Stefano Ferro

In collegamento con Ruotolo l’appello di Stefano: “Non si può scherzare sulla vita di queste persone. Non possiamo dimenticarci da dove arriva questa gente. La criminalità nasce anche perché l’accoglienza è carente, non nasce per caso. Il degrado si elimina così, aiutando con le risorse che ci sono, evitando di abbandonare queste persone”.

Don Luca contro i razzisti

Sandro Ruotolo in collegamento con il prete che si scaglia contro chi fa distinzioni razziali tra esseri umani. “Nel 2015 ci sono ancora persone che dicono prima gli italiani e poi i negri. Come facciamo a dire che persone creano un pericolo se non le conosciamo?”.