Franca Rame: “Quando Celentano portò il mio spettacolo Lo stupro in tv”



Franca Rame, moglie di Dario Fo, racconta di quando con l’aiuto di Adriano Celentano portò in televisione il proprio spettacolo Lo stupro. “Devo dire che Celentano è la pioggia, è il temporale, è la libertà. Sono pazzamente innamorata di Celentano dal 1903, da prima che lui nascesse. Io ho avuto la possibilità di stare vicino a lui. Io ero in scena con un pezzo “Lo Stupro” e telefonai a Claudia Mori per proporre il pezzo. Dopo aver mandato una cassetta, mi richiamarono dopo un giorno per dirmi di venire in trasmissione”.

Dario Fo contro la Casta

“Ho notato che tutti quelli che hanno attaccato Celentano per il suo monologo a Sanremo non hanno capito una cosa. Celentano parla per allegoria, è un attore. Trasforma la banalità in arte. I tempi, i ritmi, le pause sono quelli di un grande attore. Invece leggono le cose brutalmente per quello che appaiono e non per quelle che sono. Anche molti della sinistra sono andati nella chiave dell’ipocrisia. Non hanno più una dimensione di sincerità e du volontà di essere sinceri. Basta vedere il problema della paghe. Quello che prendono e quanto hanno lottato come gli altri partiti per tenerselo. Guai a chi li tocca è roba nostra!”