Travaglio: “Intercettazioni e supercazzole”



Travaglio: “Un appalto su 3 è truccato, 1 contribuente su 4 evade. Gli imprenditori dichiarano meno dei loro operai e l’80% delle tasse le pagano lavoratori dipendenti e pensionati, sempre più incazzati. Ma niente paura, il governo Renzi ha già trovato la soluzione. Vietare alla stampa di pubblicare le intercettazioni dei non indagati”. L’idea è geniale, ma non troppo originale. Ci aveva già provato il centrosinistra con la legge Mastella e il centrodestra con la legge Alfano, ma invano. Ora Renzi, che doveva rottamare la vecchia politica, sta completandone l’opera facendo le poche leggi vergogna che la vecchia politica aveva lasciato a metà. Lo chiede anche Alfano, che è molto coerente. Ncd, dopo il caso Lupi, è al 2,2%. Un altro paio d’intercettazioni e finisce sottozero”.

 Travaglio sulle intercettazioni

“Le intercettazioni dell’inchiesta di Napoli svelano i rapporti tra i mazzettari della coop rossa Cpl Concordia e politici di destra e del Pd. D’Alema s’è messo a urlare: ‘Vergogna, non sono indagato. Dove sono i caschi blu? In realtà D’Alema negli atti ci è finito non perché i pm volessero sputtanarlo, ma perché parla di lui l’arrestato n.1. Ossia Francesco Simone, manager della coop Concordia, in affari addirittura col feroce clan camorrista Iovine. Soro, garante della Privacy, ha detto: ‘Non tutto ciò che è di interesse del pubblico è anche di pubblico interesse’. Soro non ha ben chiara la differenza fra un foruncolo e un’intercettazione. Lui chiede al governo una legge per un’adeguata selezione delle notizie da diffondere, manco fosse il Minculpop. 99 volte su 100 i politici presi col sorcio in bocca strillano alla privacy e al segreto quando non ci sono”.

“Cari politici, rassegnatevi, anzi arrendetevi: mica ve l’ha ordinato il medico di fare i politici”. L’editoriale di Marco Travaglio in esclusiva per Servizio Pubblico.

TAG: appalti