Ruby ter, il faccendiere: “A Dubai Karima voleva depositare 2 milioni”



Il gup di Milano ha rinviato a giudizio Karima El Mahroug (in arte Ruby Rubacuori) e altre 22 persone, nell’ambito del processo Ruby ter. Il dibattimento si aprirà l’11/01/2017. Gli imputati sono accusati a vario titolo di corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza. La posizione di Silvio Berlusconi è stata stralciata. In un’intervista fatta da Walter Molino per Servizio Pubblico un collaboratore di Ruby, Prince Tufan Moussavi, raccontava la vita da sogno della ragazza marocchina. I suoi soldi arrivano fino a Dubai.

La vita da sogno

“Ruby mi disse che voleva venire a Dubai – dichiara Tufan Moussavi – e aprire un conto di 2 milioni di euro”. Un fiume di euro che Ruby voleva depositare a Dubai e cercava, tramite il suo faccendiere, nuovi investimenti. Una ricerca che, secondo il suo collaboratore, non ha portato ad alcun risultato. Ruby infatti è sparita nel nulla, lasciando anche debiti e conti aperti nei vari alberghi super lusso dove alloggiava.