No Tav, confermate 38 condanne per gli scontri dell’estate 2011. Lo speciale ‘La Valle è mia’



No Tav. La Corte di Appello di Torino ha confermato la condanna di 38 attivisti No Tav che erano accusati di aver partecipato agli scontri dell’estate 2011 dopo lo sgombero del presidio della Maddalena di Chiomonte. Nessuna attenuante per aver agito per motivi di particolari valori morali e sociali. In primo grado il processo era finito con 47 condanne e sei assoluzioni. 4 anni e 6 mesi di carcere le condanna più alte. Slogan e proteste si sono levate dai banchi degli imputati e da una parte del pubblico dopo la lettura della sentenza.

No Tav: “La valle è mia”

Servizio Pubblico ha raccontato la storia e le motivazioni del movimento nello Speciale “La Valle è mia”. Immagini esclusive realizzate direttamente nei luoghi del cantiere di una delle opere più discusse in Italia. Il punto di vista dei manifestanti e di chi abita e vive nella valle e ritiene di essere vittima di un vero e proprio sopruso.