Salvuccio Riina, la doppia vita tra festini e cocaina – ESCLUSIVO



di Walter Molino

Violazione della libertà vigilata, festini e tanta cocaina. Salvuccio Riina, dopo più di cinque anni a Padova, dove ha prestato servizio come segretario in una cooperativa, passerà un anno in una casa lavoro –  così ha deciso il giudice di sorveglianza – un carcere in cui sarà costretto a imparare un mestiere e sottostare a regole stringenti. Ma a fargli più male, a pochi giorni dalla morte di suo padre Totò, il capo dei capi, è la certezza che lui, invece, capo non sarà mai. Se qualcosa della vecchia Cosa Nostra è rimasta, il bastone del comando non sarà certo affidato a un cocainomane, un consumatore seriale che in un anno ha chiamato i suoi pusher tunisini 279 volte. E quasi altrettante li ha incontrati per comprare la bamba.

Salvuccio Riina, la doppia vita

Eppure pochi giorni fa, quando Salvuccio si è presentato davanti al giudice Linda Arata del Tribunale di Sorveglianza di Padova, le sue aspettative erano del tutto diverse. Le relazioni della cooperativa in cui lavora a mezzo servizio, come addetto alla segreteria e per la distribuzione di viveri a famiglie indigenti, riferiscono di un “atteggiamento corretto e rispettoso”. E la Questura di Padova “non segnala violazione delle prescrizioni”. I suoi legali, Francesca Casarotto e Fabiana Gubitoso, chiedono così la revoca della libertà vigilata: Riina jr merita di tornare un uomo libero. Salvuccio ci crede, nonostante il recentissimo lutto si presenta in aula con la solita aria strafottente. E invece, a sorpresa, la doccia gelata. Le relazioni della Squadra mobile di Venezia e del Servizio centrale operativo di Alessandro Giuliano mostrano il lato B del rampollo corleonese. Intercettazioni telefoniche e ambientali, osservazioni e pedinamenti lo inchiodano alle sue responsabilità. Acquisti giornalieri di cocaina, uscite e rientri oltre l’orario consentito e il bar sotto casa usato come ufficio di ricevimento. Tarek Labidi e Ramzi Bellil, tunisini quarantenni, sono i suoi pusher di fiducia. I contatti telefonici con i due sono frenetici. E poi ci sono gli incontri con pregiudicati corleonesi come Gaspare Mondello (precedenti per rapina e tentato omicidio), il ragusano Gianni Belfiore e il cognato Tony Ciavarello (marito di Maria Concetta).

Salvuccio Riina, l’intercettazione

Ospite fisso di casa Riina è poi Davide Busato, 45enne padovano, abituale consumatore di cocaina a cui Salvuccio cede spesso parte dei suoi acquisti. Le loro conversazioni telefoniche in codice, supportate dai video delle telecamere di sorveglianza, non ingannano gli investigatori. Come quella del 6 maggio scorso. Sono le 21.40. Riina si è appena rifornito da Ramzi Bellil e chiama l’amico per consegnargli la sua parte. Busato, che è in auto con la figlia dodicenne e le pietanze calde per la cena, fa una rapida deviazione verso casa di Salvuccio.

Busato: Pronti!
Riina: Davide, sei in giro?
Busato: Sono con la Maria Vittoria in macchina.
Riina: Ho dimenticato la bottiglia di vino nella tua macchina, me la porti che non ho niente da bere?
Busato: Adesso passo.
Riina: Se arrivi entro le dieci scendo e vengo a prendere la bottiglia, sennò sali tu e me la porti.

Ma in realtà è Riina a dover consegnare qualcosa a Busato, e non viceversa come vorrebbero far credere nella loro conversazione. La piccola Maria Vittoria protesta: Papà, la cena si raffredda!”, ma Busato le promette che perderà solo pochi minuti, “mi deve dare una roba, ci mettiamo un attimo”. Pochi minuti dopo, l’uomo è sotto casa di Riina, scende dall’auto senza nessuna bottiglia di vino in mano ed entra nel portone. Le telecamere di sorveglianza lo filmano pochi minuti dopo mentre esce, si infila un pacchetto nella tasca dei pantaloni e saltella gaio giù per le scale.

LEGGI ANCHE > Riina e Lorusso in carcere: “Perché non perquisirono il mio covo?”

Il 13 settembre scorso, invece, gli investigatori sono appostati nei pressi di casa di Riina. Lo osservano, seduto a un tavolino del solito bar, mentre convoca via sms Tarek Labidi, un altro dei suoi pusher di fiducia. Pochi minuti e Tarek si materializza sul marciapiede di fronte. Quando Salvuccio si alza con fare circospetto e si dirige verso il portone di casa guardandosi spesso le spalle, i poliziotti capiscono che è il momento di coglierli in flagrante. Riina varca il portone e lo lascia semichiuso. Tarek attraversa la strada ed entra nell’androne. I poliziotti a questo punto intervengono e fanno per bloccarlo. Ma mentre Salvuccio si dilegua sulle scale chiudendosi in casa, Tarek, fulmineo ingoia il piccolo involucro che stringeva in mano. Perquisito e portato in questura, il tunisino è stato identificato e rilasciato. Pochi minuti dopo, il messaggio rassicurante a Salvuccio: “tutto apposto”.

Salvuccio Riina e la libertà vigilata

Secondo gli investigatori dunque, Riina jr non ha cambiato affatto la propria indole e né la libertà vigiliata né il lavoro nella cooperativa gli hanno fatto recuperare il rispetto delle leggi dello Stato e delle norme di civile convivenza. Nelle prossime settimane il Tribunale di Sorveglianza deciderà in che termini prorogargli le misure restrittive, considerato che oltre alla condanna a 8 anni e 10 mesi per associazione mafiosa, su Riina pendono indagini recenti della DDA di Palermo. La soluzione più probabile è quella di una casa lavoro, un vero e proprio regime di detenzione. Sicuramente lontano da Padova. E dalla cocaina.