Finmeccanica-Enav e i finanziamenti ai politici



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:12.0pt;
font-family:Cambria;
mso-ascii-font-family:Cambria;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:Cambria;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Finmeccanica-Enav e i finanziamenti ai politici

Lorenzo Cola, ex consulente esterno di Finmeccanica, e l’imprenditore Tommaso Di Lernia, titolare della societa Print Sistem, Cola e Di Lernia raccontano ai magistrati la rete di corruzione e i finanziamenti erogati alla politica dalla galassia Finmeccanica. Non solo tangenti: Cola racconta che Forza Italia, An, Udc e Lega avevano messo in piedi un “tavolo delle nomine” in cui i partiti si spartivano le poltrone. Sempre Cola riferisce dell’assunzione della figlia dell’ex deputato di Fi Ilario Floresta che era nel consiglio d’amministrazione di Enav: “Ci interessava che le sue decisioni fossero favorevoli”. Di Lernia confessa: “L’Enav ha due padroni: l’Udc e la vecchia Alleanza Nazionale. In un’occasione alcuni appalti a Venezia andarono a una società molto vicina all’onorevole Follini, all’epoca vice presidente del Consiglio. L’inchiesta video di Servizio pubblico a cura di Walter Molino.