Novembre 2011: la caduta del governo Berlusconi



La caduta del governo Berlusconi: tutta la storia. È il 12 novembre 2011: l’ex Cavaliere sale al Quirinale e rassegna la proprie dimissioni al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. I ministri del centrodestra e gli onorevoli del Popolo della Libertà fuggono dai palazzi: Bonaiuti, Tremonti, Frattini, La Russa, Matteoli, Carfagna, Gelmini, Maroni evitano domande e polemiche. Poi Berlusconi lascia Palazzo Chigi, passa per Palazzo Grazioli e va al Colle: la gente scende in piazza a festeggiare e segue il percorso, al grido di “Buffone” e “Vergogna” e chiedendo a gran voce nuove elezioni. “Legge elettorale, legge elettorale!”, urlano i cittadini fuori Montecitorio.

La caduta del governo Berlusconi

È il 12 novembre 2011: l’ex Cavaliere sale al Quirinale e rassegna la proprie dimissioni al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nell’agenda del capo dello Stato c’è però Mario Monti: il Corriere della Sera rivela che le dimissioni erano state immaginate da Napolitano mesi prima, ovvero già nell’estate del 2011. Nel servizio di Luca Bertazzoni e Dina Lauricella per Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro, il racconto della giornata che ha cambiato le sorti della legislatura.

ELEZIONI 2018, LO SPECIALE SUI LEADER: SILVIO BERLUSCONI

GUARDA > Quando sui condannati diceva: “Devono dimettersi”

GUARDA > Novembre 2011: la caduta del governo di B.

GUARDA > Mi consenta: la puntata storica