Crisi e rivoluzioni



Per Renato Brunetta le parole “tutti a casa” e le grida di disapprovazione contro la classe politica sono emblematiche perché pronunciate da imprenditori. La crisi ha impattato duramente sulle aziende e meno, secondo Brunetta, sui lavoratori.