Concordato Atac Roma, parla l’assessora Linda Meleo



L’Atac – l’agenzia del trasporto autoferrotranviario del Comune di Roma – ha un miliardo e 300 milioni di euro di debito e si è scelta la strada del concordato preventivo, strumento che la legge mette a disposizione per evitare la dichiarazione di fallimento attraverso un accordo. “Quando un’azienda è gestita male, quando non si fanno investimenti, ci sono degli sprechi…Atac è stata a lungo un bacino elettorale, preda dei partiti politici” spiega Linda Meleo, assessora ai Trasporti del Campidoglio, ai microfoni di “M” di Michele Santoro. Uno dei contributi extra della seconda puntata del programma in onda da giovedì 11 gennaio in prima serata su Rai 3.

GUARDA > La banda degli onesti: la seconda puntata integrale di M di Michele Santoro

Concordato Atac Roma, cos’è?

Nell’intervista firmata da Giulia Bosetti, l’assessora parla anche dell’attestatore del concordato, il commercialista Marco Costantini. La cui consulenza è stata assegnata senza bando pubblico e il cui compenso supera il milione di euro. “Sul compenso non ho cifre esatte” – chiarisce Meleo – “Questa procedura di concordato è la più grande che sia stata mai avviata per un’azienda del trasporto pubblico in Italia. Per il ruolo di Costantini sono stati valutati dei curriculum”.