Il monologo di Roberto Saviano nella seconda puntata di M



“Viviamo nel tempo della fine dei fatti, dei fatti concreti, di quelli verificati e diffusi”. Così Roberto Saviano nel suo monologo per la seconda puntata di M di Michele Santoro, in onda giovedì sera su Rai 3. “Uno studio riportato dal Guardian ha rivelato che, nei mesi che precedevano le elezioni di Trump, 4 americani su 10 non si fidavano dei dati economici diffusi dal governo; la percentuale saliva tra i sostenitori di Trump fino al 68%. Secondo uno studio condotto dall’Università di Cambridge, nel Regno Unito il 55% della popolazione crede che il governo nasconda il vero numero degli immigrati. Ci siamo abituati a piegare i fatti alle sensazioni, alla percezione”

GUARDA > La banda degli onesti: la seconda puntata integrale di M di Michele Santoro

Saviano nella seconda puntata di M: il video del monologo

Per lo scrittore “così facendo si è svuotato il dibattito politico di contenuto e lo si è riempito di masse di haters che non entrano mai nel merito perché tanto non danno alcuna autorevolezza al proprio interlocutore. Si affrontano per slogan come fossero ultras. Per attirare a sé l’elettore questi slogan devono colpirlo alla pancia”.

GUARDA LA CLIP INTEGRALE SU RAIPLAY