L’editoriale di Travaglio: Bertolaso Story



Assolto. Il fatto non sussiste. Guido Bertolaso, l’ex potente Capo del Dipartimento della Protezione civile è stato assolto in primo grado nel processo contro la “cricca” di funzionari  pubblici, il Provveditore Angelo Balducci, e l’imprenditore, Diego Anemone, che gestiva gli appalti pubblici. Bertolaso gioisce, naturalmente. Aspettiamo di leggere le motivazioni della condanna degli imputati e della prescrizione  o assoluzione di alcuni di loro. E aspettiamo per capire se la Procura di Roma presenterà il ricorso in Appello.

Ma al di là della vicenda processuale, in quel sistema opaco dove interessi pubblici si confondevano con interessi privati o di parte, Guido Bertolaso c’era. Basta ricordare le cene a Palazzo Grazioli con il presidente del  Consiglio Silvio Berlusconi  (e le escort di Gianpaolo Tarantini).

GUARDA > G8 Maddalena: il reportage

Bertolaso Story

Bertolaso è stato assolto. Per i giudici romani i fatti non costituiscono reato. Ma di cosa era accusato l’ex capo della Protezione Civile? Marco Travaglio in questo commento che riproponiamo ricostruisce l’atto d’accusa.  Quegli episodi raccontano una stagione che sembrava archiviata. E che invece purtroppo è ridiventata attuale.