M, cosa è successo nella terza puntata della fiction



In via Monte Nevoso, a Milano, i carabinieri del generale Dalla Chiesa scoprono un importante covo delle Brigate Rosse e molti documenti scritti da Aldo Moro durante la sua prigionia, carichi di segreti. Ma una parte di quelle carte spariscono e Mino Pecorelli, insieme alla sua fonte Mister X, cercano di scoprire cosa contenessero di così pericoloso. E per chi. Inizia una vera e propria caccia a quelle carte che coinvolge lo stesso generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e il direttore di OP, che intanto sta per mandare alle stampe un durissimo numero della sua rivista che attacca duramente il presidente del Consiglio Giulio Andreotti. Ma quel numero non andrà mai in edicola. Mister X, la fonte del giornalista, e Mino Pecorelli vengono entrambi uccisi nel giro di poche ore sotto i colpi di pistola di misteriosi killer. E con loro sembrano svanire per sempre le risposte ai misteri del sequestro di Aldo Moro.

GUARDA > Caso Moro, la prima puntata integrale di M di Michele Santoro

GUARDA > Caso Moro, la seconda puntata integrale di M di Michele Santoro

GUARDA > Caso Moro, la terza puntata integrale di M di Michele Santoro

Fiction M Terza Puntata: la trama

Il 16 marzo 1978 un commando delle Brigate Rosse rapisce il presidente della Democrazia cristiana Aldo Moro, sterminando la sua scorta. Nel giorno in cui in via Fani si consuma la strage sta per nascere anche il primo governo della storia repubblicana a guida Dc-Pci e Mino Pecorelli, giornalista scaltro e spregiudicato, pieno di buoni agganci e notizie scottanti, sta per dare alla luce il primo numero della sua rivista OP-Osservatore politico. Pecorelli inizia a scavare tra i molti misteri intorno rapimento del leader della Dc insieme a Mister X, informatissimo uomo dei Servizi segreti. Pecorelli incrocia anche Silvia Saluzzi, giovane giornalista free-lance caparbia e intraprendente, che indaga sulla “strategia della tensione” che ha insanguinato l’Italia con l’aiuto di Tony Chichiarelli – falsario di talento – che abita in quella terra di confine tra estremisti di sinistra, neofascisti, spie e criminali della banda della Magliana dove tutto si confonde e i confini tra buoni e cattivi si perdono.

Fiction M Seconda Puntata: la trama

Chi è davvero lo psichiatra Steve Pieczenik, il consulente americano inviato dal Dipartimento di Stato americano per coordinare le operazioni sul sequestro Moro? E’ lui a orientare strategicamente il “Gruppo esperti” voluto dal ministro degli Interni Francesco Cossiga, in cui siedono i massimi rappresentanti delle Forze armate e dei Servizi segreti, insieme a Licio Gelli, Maestro venerabile della Loggia P2. Intanto il direttore di OP Mino Pecorelli continua la sua inchiesta parallela proprio mentre una serie di strani avvenimenti dimostrano che dietro le Brigate Rosse si muovono forze occulte: un falso comunicato BR annuncia che Moro è stato ucciso e gettato nei fondali del lago della Duchessa, nello stesso giorno in cui viene scoperto il covo di via Gradoli. E quando le diverse trattative per la liberazione del Presidente DC sembrano arrivare in porto, il corpo senza vita di Aldo Moro viene ritrovato in via Caetani.

Fiction M Terza Puntata: il cast

Il cast della fiction di M:

SILVIA SALUZZI interpretata da ANTONIETTA BELLO
MINO PECORELLI interpretato da CARMELO GALATI
TONY CHICHIARELLI interpretato da CHRISTIAN BURRUANO
MISTER X interpretato da GIUSEPPE ANTIGNATI
ANGELA LOMBARDO interpretata da TANIA BAMBACI
CAPITANO G. interpretato da ALESSANDRO HABER
DANIELE PIFANO interpretato da ANDREA NAPOLEONI
LICIO GELLI interpretato da ANDREA TIDONA
FRANCESCO COSSIGA interpretato da DIEGO VERDEGIGLIO
STEVE PIECZENIK interpretato da JON FIRMAN
GIUSEPPE SANTOVITO interpretato da RENATO LIPRANDI
ANGELO INCANDELA interpretato da FABRIZIO BUOMPASTORE
ROBERTO ARLATI interpretato da MAURO SANTOPIETRO
FONTE MISTERIOSA interpretata da PAOLO LORIMER
ANONIMO TELEFONISTA interpretato da ANTONIO CAREDDU