Quelle collusioni sospette tra politica e ‘ndrangheta. Parla Morra, commissione Antimafia



Il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione Antimafia, parla delle collusioni sospette tra politica e ‘ndrangheta: “Non c’è un partito o un movimento che sia potenzialmente immune dal rischio infiltrazione, anche perché le mafie tendono a infiltrarsi tra le forze di governo. Oggi Lega e M5S sono le forze di maggioranza: per questo dobbiamo alzare il livello dell’attenzione“.

La procura di Reggio Calabria ha scoperto i rapporti del Clan De Stefano con l’amministratore della Lega Belsito, cosa ne pensa? “Siamo perfettamente d’accordo. La procura ha segnalato questo misfatto, ma sono tanti i misfatti nella storia della partitocrazia. Noi siamo al fianco della magistratura e daremo supporto massimo per fare pulizia perché la politica deve servire le istituzioni”, risponde Morra, che poi elogia il procuratore Bombardieri (“ci darò soddisfazioni”) e avverte: “Tutti quelli che sbagliano, anche se fossero del MoVimento 5 Stelle, verranno perseguiti qualora abbiano violato la norma. Il tesoriere della Lega? Non ci sono problemi da parte mia perché l’istituzione punisce tutti ugualmente: tutti sono uguali davanti alla legge”.