Sciopero per il clima, l’appello di Mario Tozzi: “Il cambiamento climatico riguarda tutti”



“Il 15 marzo è una giornata importante perché riguarda noi, nella parte più ricca del mondo, perché rischiamo di perdere il nostro benessere; ed è importante per chi vive nella parte meno ricca del mondo, perché loro rischiano di perdere la vita”. Mario Tozzi, geologo, divulgatore e saggista, sceglie le telecamere di Servizio Pubblico per rivolgere un appello a partecipare a Fridays for Future, lo sciopero del 15 marzo che prende il nome dagli scioperi portati avanti, proprio di venerdì, dalla sedicenne svedese Greta Thunberg. In circa 150 Paesi, migliaia di studenti (e non solo) sciopereranno in difesa del clima con associazioni quali Greenpeace e Legambiente. L’Italia, con 182 raduni organizzati, è uno dei Paesi più attivi in questa battaglia. Per le iniziative è stata creata una dorsale del movimento chiamata FridaysForFuture Italy, presente con informazioni sull’omonima pagina Facebook.

“Soprattutto in Italia sono molti di più i giorni di gran caldo e con una temperatura più elevata, ma negli ultimi 150 anni mai è stata così alta la temperatura: questo significa che saranno più frequenti le perturbazioni, i disastri e le frane: dovunque ci giriamo vediamo gli effetti sulla nostra pelle”, spiega Tozzi che poi chiede a tutti di mobilitarsi: “Il 15 marzo tutti in piazza e per le strade perché è sempre importante manifestare e perché è importante per il futuro dei giovani e del pianeta”.

Leggi anche: Via della Seta: il memorandum con la Cina spiegato da Lucio Caracciolo