Elena Fattori e la lotta contro “Il medioevo in Parlamento”: il difficile rapporto tra scienza e politica



Vaccini, Stamina, sperimentazione animale, perché negli ultimi anni è così difficile il rapporto tra politica e scienza? Elena Fattori, senatrice del Movimento 5 stelle e ex ricercatrice, con un dottorato di ricerca in biologia molecolare, racconta il momento in cui le posizioni anti-scientifiche hanno monopolizzato il dibattito.E lo fa in un libro, “Il Medioevo in Parlamento“: ne viene fuori un racconto, dall’interno, del ruolo del Movimento 5 Stelle nelle questioni legate al rapporto politica-scienza.

Elena Fattori è una voce fuori dal coro all’interno del Movimento 5 stelle, interna ma non sempre allineata. Sul rapporto politica-scienza dice: “Il m5s ha avuto un percorso, è partito da posizioni anti-scientifiche propagandate all’epoca dagli spettacoli di Beppe Grillo quando il movimento ancora doveva nascere. Posizioni poi assorbite, anche se Beppe non ne è stato mai troppo consapevole“. “Nel movimento 5 stelle ci sono tante anime” ammette e non sempre è facile trovare una sintesi.