25 aprile 2039



È il 25 aprile 2039. Finalmente l’Italia è liberata, ancora una volta, dall’oppressore. Vauro non sta nella pelle, si unisce alla folla che si riversa festante nelle piazze.

“Sfilano i partigiani, cavolo ma quanti sono? Fino ad ieri non sembrava ce ne fossero così tanti. Bah, forse mi sbaglio. E quello? Sì, quello lì che già che c’è ne approfitta per vendere bibite al popolo assetato di vendetta…ma non era il socio del dittatore? Bah, forse mi sbaglio… però gli somiglia”.

Leggi anche: Vauro, la lettera aperta “Caro Piddì”

Vauro continua a esultare per la nuova liberazione, per un’Italia che ancora una volta è riuscita a liberarsi dall’oppressore, a 94 anni di distanza dal 25 aprile 1945. Ma, all’improvviso, lo assale un altro dubbio, e poi ancora un altro:

“E quell’altro là che già che c’è ne approfitta per vendere pop-corn al popolo affamato di giustizia…non è quello che gli spianò la strada? Bah , forse mi sbaglio…però gli somiglia. E quelli che già che ci sono ne approfittano per vendere lecca-lecca al popolo goloso di libera informazione…non erano i lecca-lecca del dittatore? Bah, forse mi sbaglio…però gli somigliano. Ma ora basta!”

La voglia di festeggiare prende il sopravvento. È il giorno della festa e niente di ciò che è stato può rovinarla. O forse no? A un certo punto, al culmine dell’estasi, la piazza è scossa da un grido:

PRIMA GLI ITALIANI! Ma non era lo slogan che fino a ieri sbraitavano gli italiani acclamando il dittatore? Bah, forse mi sbaglio…però gli somiglia. Già , il dittatore…dove sarà finito il dittatore? A Piazza Venezia non si è più visto, a piazza del Viminale non si è mai visto.. Quasi, quasi chiedo a quel barbuto paffutello la’ in prima fila in divisa da partigiano. È il più scalmanato, forse ne sa qualcosa…ma…ma…ha dei grumi di Nutella nella barba“.

Come andrà a finire?

Leggi anche: Vauro, 7 modi per uccidere Salvini