Emma Bonino: “Campagna elettorale volgare e sguaiata, ma resisto. Solo chi ama l’Europa può migliorarla”



“Una campagna elettorale sguaiata  e volgare come questa non l’avevo mai vista. Mi sento così distante da un Senato ridotto a votare una fiducia che nessuno ha letto, da questa ignoranza istituzionale, con i paletti tra il giudiziario e l’esecutivo che saltano. Parole come ‘sporco negro’ sdoganate, prima si diceva solo al bar, e con qualche ritegno: la deriva culturale fomenta la paura, la voglia di isolamento ed è un’erba maligna che cresce. Dobbiamo sradicarla”.

Quando per la prima volta entrò al Parlamento europeo aveva 31 anni . Oggi, che ne ha settantuno, Emma Bonino  si candida alle europee del 26 maggio come capolista della circoscrizione Centro della lista +Europa-Italia in comune e affila le armi contro i sovranisti. “Solo chi ama l’Europa è credibile per poterla migliorare. Siamo il continente più ricco del mondo, in sessant’anni i nostri nonni hanno fatto miracoli a costo di enormi sacrifici, abbiamo un welfare, non sempre efficiente, ma che non ha nessun analogo in Cina, negli Stati Uniti, in Russia. Quello che non funziona è la non Europa, quella della politica estera che non c’è perché ce ne sono 27, quella della difesa, di integrazione”.

Guarda anche: “Radio Radicale, Emma Bonino: “Il M5S vuole spegnere le voci scomode. Prepariamoci, la battaglia sarà lunga”

“Domenica scorsa Salvini in piazza Duomo che, come un predicatore evangelico, si appella alla Madonna, al rosario, alla Bibbia, fischia il papa, se la prende con tutti; Di Maio, che abolisce la povertà dal balcone: un avvilimento senza fine” dice la leader di +Europa a Servizio Pubblico, “Mi auguro che i nostri sforzi di usare il cervello, oltre alla pancia stimolata da Salvini per paure e sentimenti torbidi, possano prevalere. Bisogna resistere e reagire. La minaccia più grave per il nostro Paese è il crollo dello Stato di diritto, che è la difesa dei più fragili”.