L’8 maggio dei free vax divisi tra Montecitorio e Santi Apostoli



Oggi davanti al Parlamento si è riunito un buon numero di persone per accusare il Governo del Cambiamento di averli gabbati perché ancora non ha tolto l’obbligo vaccinale e il MoVimento 5 Stelle con la Lega perché il “nuovo” DDL 770 “non abolisce nulla ma mette in pericolo il diritto all’istruzione”.

In piazza sono arrivati con fischietti, manifesti, siringhe, camici da dottore, teschi e slogan da cantare a squarciagola, ma non tutti avevano voglia di parlare. C’era chi manifestava ma non voleva essere inquadrato e c’era chi non aveva la minima intenzione di scambiare qualche parola con il “nemico” giornalista. Finalmente però qualcuno si è sciolto e ha avuto modo di dire la sua.

Le bocche erano cucite soprattutto sull’altra manifestazione. Ovvero su quella che andava in scena a Santi Apostoli e che si è riempita man mano che l’altra scemava, dando la sensazione che la gente si sia semplicemente spostata da una parte all’altra. Tra i presenti il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Davide Barillari, da sempre vicino ai no e ai free vax e piuttosto a rischio anche tra i grillini per le sue idee, e anche l’attrice Eleonora Brigliadori spesso a suo agio in contesti come questi.

Come mai il fronte free-vax si è messo a litigare? Il casus belli riguarda due degli organizzatori della manifestazione a Santi Apostoli, che prima hanno raccolto i soldi per il service e il palco e poi hanno deciso di tenerseli, tentando addirittura di annullare la kermesse prima di passare la mano ad altri.

manifestazione free vax 8 maggio

Il motivo? Hanno accusato Corvelva, una delle associazioni che si battono contro l’obbligo, di aver fatto “la cresta” sulle analisi dei vaccini e hanno deciso di devolvere i soldi raccolti per le manifestazioni a nuove analisi da effettuare a un prezzo molto più basso di quello che hanno speso gli altri. Praticamente, un affarone. Ma non tutti a piazza Santi Apostoli la pensano così. Quella dei fondi per la manifestazione spariti però ormai è acqua passata. Ai free vax interessa soprattutto mandare un segnale forte ai partiti e alla politica. Praticamente un ricatto. Riuscirà?

Leggi anche: Il barbaro Salvini alla conquista della Magna Grecia (con l’aiuto di CasaPound)